martedì 5 agosto 2014

Commento a '' Paperino e la guerra sonora''


 suo titolo originale è ''Donald Duck The skiing Bandit''. In Italia invece è  ''conosciuta '' con il titolo ''Paperino e la febbre sonora''.
I disegni sono di Dick Moores, i testi invece sono ad opera di uno sconosciuto, lo stile mi sembra quello di Don Christensen...

Personaggi : Paperino e i suoi tre nipotini ,uno strano bandito 

Ristampe e prime edizioni : In Italia uscì per la prima volta nel 1954 su Topolino libretto n.87 e ristampata solamente negli Albi della Rosa n. 259... Uscì per la prima volta in America su DD 33 e ristampata ,nello stesso paese, nel 1974 su WD Comics Digest 45 .... 

Pagine :12 con un layout di 4 righe per pagina

Per chi vuole conoscerla, ecco la trama: 
Nevica ... e i tre paperini ricordano allo zio che appena sarebbe caduta la neve ,lui li doveva portare a sciare ... Paperino finge di non ricordare ma i tre paperotti,che sembrano ragazzini di elementari,gli fanno vedere un foglio con la promessa scritta. Paperino allora,non avendo scampo,inizia ad accompagnare. E succedono piccole disavventure: infatti all' inizio il motore non parte ,poi si ha una valanga oppure mancano le catene per proseguire lungo la strada ghiacciata...Ma tutti ,per fortuna di Qui,Quo e Qua,i problemi vengono risolti ... Finchè Paperino durante una curva cade in un dirupo con i suoi tre piccoli passeggeri e la macchina ...Momenti di tensione ...Sono tutti e tre salvi la macchina è caduta  sul tetto di un hotel,distruggendolo...Il proprietario cerca di far pagare 100 dollari a Paperino , infatti teneva prigionieri come ''acconto'' i tre,ma lo zio essendo al verde...decide di pagare con del lavoro.I quattro dovranno sorvegliare un orologio a pendolo antichissimo e di gran valore...Infatti negli ultimi tempi si aggirava uno strano bandito,sciatore (da qui il nome del titolo americano), che li rubava tutti ...Appena rubato i paperi si gettano all' inseguimento. Finchè entrano in un passagio ''segreto''nascosto in un tronco d' albero.Scovano il bandito e Paperino inizia a gridare questa frase <<Mani in alto,ladro d'orioli!>> Come potete notare il linguaggio è molto antiquato. Il bandito li intrappola tutti e quattro in una gabbia (da qui la famosa copertina degli Albi della Rosa,ad opera di Ambrogio Vergani). I quattro si liberano  e scoprono che il bandito rubava gli orologi perchè voleva creare, con il suono di essi,una fortissima valanga.Adorava il rumore delle valanghe. I paperi prendono l' orologio e portano il bandito in '' un rombo permanente''. Una fantastica cascata.Il rumore di essa entusiasma il bandito. Le ultime vignette raccontano che anche i paperi ,''ammattiscono'', si affascinano al rombo della cascata.Rimanendo un pò lì a guardare...

Voto : 7 e mezzo

sabato 25 maggio 2013

L' opera di William Ward in Italia !

Buongiorno a tutti!
Con piacere vi confermo che io e Federico Provenzano , abbiamo portato a termine un progetto, che auspicavamo di poter un giorno realizzare, ma a tal proposito nutrivamo poche speranze, invece da quando siamo entrati in contatto con l'associazione Anafi (Associazione Nazionale Amici del Fumetto) ci è sembrato di esserci scoraggiati per nulla, data l’accoglienza immediatamente favorevole che ha avuto il nostro proponimento. Naturalmente stiamo parlando del libro sull’autore William Ward. La nostra idea era appunto quella di portare in Italia lo stile elaborato di questo disegnatore inglese che, prima di Federico Pedrocchi, disegnò e probabilmente sceneggiò la prima storia lunga a fumetti con Paperino protagonista. Si tratta di storie che sorprendono il cui risultato, in termini di sceneggiatura nel panorama disneyano degli anni Trenta, ci ha sorpresi favorevolmente, e ci auguriamo accada la stessa cosa agli appassionati che vorranno approfondire questo capitolo importante del fumetto Disney. Circa due anni fa è nata in noi l'idea di raccogliere in un volume l’opera di questo autore, così ci siamo messi in moto finché sul principio dell’anno passato abbiamo contattato l'Anafi che con cortesia e professionalità ci ha seguiti passo dopo passo,t consentendoci di traslare il tutto in concrete pagine a fumetti. Il volume è andato ufficialmente in stampa pochi giorni fa. Un particolarissimo ringraziamento va a Paolo Gallinari – presidente dell’Anafi– e a Luciano Tamagnini, curatore del libro insieme a noi. La realizzazione di un libro del genere può apparire piuttosto facile ma in verità c'è costata molto sudore, e le difficoltà sono state tali che siamo stati tentati di mollare parecchie volte. Anche alla luce delle complicazioni con cui abbiamo avuto a che fare, ci riteniamo soddisfatti del lavoro finito. Abbiamo continuato imperterriti sia per la nostra soddisfazione personale (personalmente, aver la facoltà di leggere in italiano le storie di questo autore come leggere un volume dei Maestri Disney), sia soprattutto per voi, ovvero tutti gli interessati propensi ad assaporare questi viaggi di Paperino su Venere, nel West, sulla Luna, a Baghdad e in diversi altri posti. Occhio al partner di Paperino in queste avventure, e a comprimari e antagonisti gottfredsoniani riportati sulla scena dall’autore inglese. Riteniamo la traduzione delle storie di Ward in Italia un’operazione di cultura e di qualità. Le storie disegnate sono in totale 12. A noi piace definirla un'edizione critica, invero gli articoli che abbiamo approntato a corredo delle storie sono molti e approfonditi, e alcuni di questi sono opera di Alberto Becattini, che ha collaborato attivamente e della cui consulenza abbiamo usufruito anche per quanto riguarda le traduzioni. Nell’occasione di questo nostro post, ringraziamo quanti nel forum Papersera hanno collaborato con noi per i motivi più svariati, dalle traduzioni ai contributi iconografici, senza i quali non saremmo riusciti a consegnare tutto il materiale nei tempi prestabiliti. Per le traduzioni un sonoro grazie prima di tutto a Paolo, che ci offre anche questo spazio e poi a: Armando Botto (bottagna), Rossana Monaco (Gingerin Rogers), Gianni Santarelli (piccolobush), Maria Teresa Satta (feidhelm), Inoltre ringraziamo Emmanuele Baccinelli (Bacci) che ha realizzato apposta per il libro uno splendido (avrete modo di constatarlo) omaggio western con i due protagonisti della saga, Paperino e il marinaio Mac. Tutti i ringraziamenti potranno essere visionati direttamente sul libro ma oltre agli appena menzionati ci preme in particolare ringraziare Alberto Becattini, Volker Coors e David Gerstein, più i già citati Luciano Tamagnini e Paolo Gallinari. Specifichiamo che questo volume – che sarà presentato ufficialmente alla Fiera di Reggio Emilia del 1° Giugno – sarà per il momento acquistabile solamente dai soci dell’Anafi e da chiunque vorrà ad essa associarsi. Associarsi costa EUR 75,00 in cui sono compresi ben 2 volumi annuali (il volume che quest’anno accompagna il libro di Ward è L’Asso di Picche dall’Argentina, che ristampa storie di Hugo Pratt inedite in Italia). Il volume su Ward – come tutti i volumi Anafi, sarà acquistabile dai non-soci a partire da un anno dall’uscita.


Chiudiamo questo post con la magnifica copertina che Gottardo (oltre a complimentarci con lui, lo ringraziamo del lavoro che ha fatto per il nostro libro) ha approntato per il volume Paperino - Le inedite follie inglesi.


Massimo Bonura e Federico Provenzano


domenica 21 ottobre 2012

Gli albi del trio dell'astuzia



Gli albi del Trio dell' astuzia


Probabilmente nel 1948 la casa editrice E.R.O.L.A. stampa delle rarissime strisce a fumetti chiamate ''Albi del Trio dell'Astuzia''.
Questi albetti sono stati disegnati e sceneggiati da Gaetano Vitelli (189?-1965), disegnatore, tra le tante cose, di alcuni storielle apparse nei primi numeri del Topolino giornale.La cosa particolare di queste striscette è che appare uno stranissimo, lontano da qualsiasi modello disneyano, personaggio col nome di Topolino. La domanda che ci poniamo ora è questa : quello è da considerarsi si o no come personaggio disneyano apocrifo ?
Per l'autore di questo articolo quello disegnato è Topolino apocrifo disney, senza ombra di dubbio .
Cerchiamo di analizzare meglio la situazione :

1)Innanzitutto il nome del personaggio è uguale al nome del Mickey italiano

2)Il disegnatore e sceneggiatore è Gaetano Vitelli, che, come già detto, aveva disegnato Topolino nei primi numeri del Topolino giornale



3)Nelle strisce i tre protagonisti sono : Topolino, Pinocchio e Furbolino . Il Pinocchio è quello apocrifo collodiano. Se noi riteniamo come apocrifi Disney i librettini con Topolino della E.R.O.L.A: della serie ‘’ Collezione per i più piccini’’allora dovremmo ritenere copie anche le striscette, ma anche perché nei libricini appare lo stesso Pinocchio dei fumetti della casa editrice di Mondini (per esempio ''Pinocchio avvocato e Topolino imputato''). Quindi a maggior ragione se seguiamo con logica un certo filo narrativo quello *è* Mickey apocrifo per questa continuità.
Pinocchio avvocato e Topolino imputato, il secondo numero della serie ''Collezione per i più piccini''

Sopra ''Topolino re dei cuochi'', un altro numero della serie . L'attribuzione di questo numero a Vitelli ( con testi di Mario Scotto) è abbastanza sicura . Non è chiaro se il disegnatore abbia lavorato anche per gli altri numeri 
4) Per molti quello è Mickey per le intenzioni dell’autore e per le intenzioni dei pochi che compravano gli albi

Ma allora perché Vitelli disegna così diversamente Mickey ?
Forse non voleva avere vari problemi per l' aver utilizzato il personaggio di Topolino e quindi ''disegnò lui facendolo non sembrare lui ''.
Siamo giunti alla conclusione che quello è Mickey nello spirito più che nel complesso somatico. Una conclusione molto complessa e affascinante . Queste striscette presentano ancora dei misteri : sono autorizzate dal Tribunale ? Sono realmente del '48 ?
Il terzo personaggio ''Furbolino'' è in realtà il Ciuffettino di Yambo ?

La serie è composta da 18 numeri , non numerati ma divisi in tre gruppi nei cataloghi del retrocopertina . Mi sono dato alla loro ricerca per anni, e ho trovato quasi tutti i numeri (grazie a vari collezionisti )e diversi di essi fanno oramai parte della mia collezione privata .
Nelle storie il più saggio e maturo è senza dubbio Pinocchio che non è più un bambino bugiardo ma un personaggio abbastanza maturo. In quarta di copertina del n.1 ‘’Pinocchio maestro e Topolino capo classe ’’ appare la notizia di un fantomatico ‘’ Giornalino del Trio dell’ Astuzia’’ (dal costo di Lire 15) e dal n. 4 la notizia dell'uscita . Non abbiamo trovato questo giornalino, e, personalmente ho dei dubbi sulla reale uscita.


Retrocopertina del n. 1

Retrocopertina del n. 5

Qui sotto i titoli degli Albi del Trio dell' Astuzia , Lire 10 ( solo i 6 albi del primo elenco sono numerati nel retrocopertina, gli altri sono elencati in ordine nei retrocopertina di alcuni numeri):

1) Pinocchio maestro e Topolino capo classe
2) Furbolino fantasma e Topolino poliziotto
3) Pinocchio portiere e Topolino calciatore ( nel primo e secondo numero è numerato come quinto )
4) Furbolino prestigiatore
5) Pinocchio dentista e Topolino assistente ( nel primo e secondo numero è numerato come terzo )
6) I 7 nani alla guerra e Biancaneve crocerossina
7) Topolino atomico, Furbolino controatomico e Pinocchio aviatore
8) Pinocchio superstizioso con Topolino e Furbolino finti gobbi
9) Furbolino accalappiacani con Pinocchio e Topolino vigili urbani
10) Topolino regista del cinema e Pinocchio attore e Furbolino operatore
11) Topolino vigile del fuoco con Pinocchio e Furbolino attori di prosa
12) Furbolino contrabbandiere con Topolino e Pinocchio doganieri
13) Topolino e Furbolino chiamati alle armi
14) Pinocchio,Topolino e Furbolino corsari
15) I guai di Pinocchio,Topolino e Furbolino
16) S.O.S. dalla città sottomarina
17) Topolino,Pinocchio e Furbolino ospiti di Biancaneve
18) Il fidanzamento di Pinocchio
Degli ultimi tre numeri dubito della loro reale uscita . I numeri meno rari sono i nn.5-6-7 .
Ecco alcune copertine :
Albi del Trio dell'astuzia n. 1 


Ecco come si costituirono le avventure del Trio dell'astuzia : Pinocchio venne licenziato e venne seguito da due suoi alunni .
Da ''Pinocchio maestro e Topolino capoclasse''

Albi del Trio dell'astuzia n.3 
Albi del Trio dell' Astuzia n. 5 

Albi del Trio dell' Astuzia n. 8 e sotto il n.14 



Ringraziamenti :
Ringrazio tutti coloro che mi hanno aiutato nella ricerca di questo raro materiale: innanzitutto un collezionista che mi ha fornito alcune scansioni degli albi e che è voluto rimanere anonimo, per diverse informazioni e aiuto nella ricerca ringrazio Luca Boschi , Alfredo D’Asdia, Claudio Gioda e Leonardo Gori e Nearco66 .



mercoledì 12 settembre 2012

Strisce e fumetti misconosciuti

Grazie al collezionista Alfredo ''Aumaldo'' d'Asdia, possiamo presentare due libricini, databili anni 50', uniti con custodia cartonata stampati ad Hong Kong . All' interno una storia che non sembrerebbe avere niente a che fare con il mondo disneyano ma all'interno compaiono Paperino  in uno dei librettini e Qui Quo Qua nell'altro .
Ecco le immagini :



Infine, grazie al collezionista e storico Antonio Cadoni, siamo orgogliosi di potervi mostrare un altra striscia de ''In Alto, Fanciulli'' del 1937 disegnata da Federico Luigi Galli con Topolino apocrifo . Si tratta di un ritrovamento molto importante per la storia del fumetto disney in Italia . A presto nuove nuove e ''scoop'' sul già citato autore .

giovedì 5 aprile 2012

Rodolfo Cimino - Piatti e ricette ciminiane

Le fantasiose - ma è più appropriato dire: le fantasiosamente... semplici - ricette culinarie descritte da Rodolfo Cimino nelle sue storie, ruotanti principalmente intorno al pane:


FAGIOLATA DEL PIONIERE/FAGIOLI DEL PIONIERE         (Zio Paperone e i fagioloni di Vulcania, 1988):
Coi fagioli del pioniere si prepara una speciale fagiolata; i legumi devono però essere freschi, e i fagioli del pioniere durano, freschi, ben 2 mesi. Ricetta che Nonna Papera fornisce ai nipoti. Quando nessuno li acquistava, gli antichi usavano mangiarli tutti all'interno della famiglia.




FAGIOLONI DI VULCANIA (Zio Paperone e i fagioloni di Vulcania,1988)               Fagioli giganti (del peso di circa 1 quintale) che crescono solo nella terra appunto chiamata Vulcania. Crescono spontaneamente sul magma tiepido, a ovest del villaggio degli autoctoni. L'insieme delle piante forma la foresta fagioliera o fagiolaria. I fagioloni vengono dai nativi cotti sul magma. Zio Paperone tenta inutilmente di lanciare i fagioloni a Paperopoli nei formati panino esterno e panino domestico.



LEGUMI ALLA VAGABONDA (Zio Paperone e la doppia tenzone, 1965)
Piatto preparato per sé da Paperone cercatore d'oro alla fine dell''800; gli fu indispensabile per aver salva la vita dopo essere caduto prigioniero di alcuni guerrieri Pellerossa appartenenti alla tribù degli "Stomachi di Ferro". Per commerorare l'impresa, ogni anno viene indetta a Paperopoli una gara gastronomica tra cercatori d'oro; nella storia, Brigitta, vince la gara cucinando i suoi celebri fagioloni al cactus selvaggio condendoli con paprica dell'ellesponto.


                        
PAGNOTTA CALDA CON BURRO E ALICI (Paperino, Gastone e il rubinetto latitante della fonte sapiente, 2009):
Buoni pasto fungenti da incentivo all'ingresso, nella professione di idraulici, di disoccupati e perdigiorno di Paperopoli. Attirano Paperino e Gastone.





PAGNOTTA DEL PASTORE (Zio Paperone e le sue storie quasi vere - I predoni del deserto e la carovana trigobbuta, 1993):
 Pane casereccio, abbondante cipolla rossa, un pizzico di sale, un filo d'olio d'oliva e una goccia d'aceto.

                                          (cortesia di Vito Stabile)

PANINO DEL TROGLODITA (Paperino & Paperoga e il ferro... d'argento, 1998)
Una fetta di pane, strofinata con aglio, tra due rondelloni di cipolla rossa, unti d'olio d'oliva.


PAGNOTTA MILITARE ---> vedi Rancio della sentinella.


RANCIO DELLA SENTINELLA (Zio Paperone e le palpebre dorate, 2009)
Consiste in pagnotta militare con salsicce alla brace... punzecchiate ma non bucate.
Nella stessa storia Zio Paperone ordina a Battista il rancio del riposante, ma non viene spiegato in cosa consiste.






                                                           (pagina in continua formazione)

domenica 1 aprile 2012

Paperone Story

Quando ancora la Saga di Don Rosa non c'era, per dedicare un albo a Paperone i responsabili non vedevano niente di meglio che pubblicare una rassegna ciminiana per presentare il meglio del personaggio. Tant'è che l'albo risulta appunto essere interamente ciminiano (vengono pubblicate lunghe e profonde storie della fine degli anni '60), tranne che per 2 sole storie. Mi sono liberato della maggior parte dei Classici Disney per fare spazio in casa mia a nuovi e più desiderati arrivi fumettistici, ma da questo Classico non ho voluto separarmi, nonostante non ci sia nessuno dei famosi Prologhi.
Questo volumetto di quasi 30 anni fa è un acquisto da fare!
http://coa.inducks.org/issue.php?c=it/CD%20%20%2078

 (il Paperone della copertina è opera di Marco Rota)






SM
Ieri mattina, 31/3/2012, ci ha lasciati il grandissimo autore le cui pagine di questo blog abbiamo sempre in gran parte dedicato, Rodolfo Cimino (classe 1927).
Se n'è andato così l'ultimo della vecchia scuola che ancora collaborava alle testate disneyane. Gli altri erano anch'essi già morti, o si erano già ritirati (vedi Chendi e i Barosso).
Per tutta la settimana scorreranno in questo spazio immagini dalle storie di Cimino, e molto presto discuterò di un regalo che il Maestro mi aveva fatto appena un mese fa. La reputo una cosa molto interessante.
Addio Maestro!

sabato 18 febbraio 2012

Paperino e il cane Dollarosus

PAPERINO E
IL CANE DOLLAROSUS
  
 
 
                                                                                                                                                                                                                                                                         

Disegni di MASSIMO DE VITA (con l’apporto di Pier Lorenzo De Vita?); TL 285 (14/5). Tav: 33; col-b/n.
Pers: Zio Paperone; Paperino; Qui Quo Qua; il Cane Dollarosus; il Pellerossa Bill; Beppo, il noleggiatore di condor.   

Rist: CWD 27/PAPERINO COCKTAIL (3/1968); CWDNS 49/PAPERINO COCKTAIL[ristampa] (1/1981); GC 211 [come storia Superstar](6/2004).
Art: DA CAROSELLO... AL TOPOLINO D'ORO
[MD 6](11/1997)[art. di Luca Boschi]; CHI E' RODOLFO CIMINO[ZP 163](4/2003)[art.di Luca Boschi](MOLTI PAPERINI FA...[GC 211](6/2004)[art. di Luca Boschila firma “Il Direttore” è impropria]; IL MONDO DI MASSIMO DE VITA[TOPOLINO - LA SAGA DELLA SPADA DI GHIACCIO](26/11/2004)[art. di Luca Boschi]; CIMINO: UN MAESTRO VENEZIANO A NAPOLI[TOS 1965](25/7/2005)[art. di Luca Boschi]"LA SCRIVO, LA INCHIOSTRO..." - LO STRANO CASO DEL VISIR DI PAPATOA[MD 31](1/2006)[art. di Luca Boschi]; RODOLFO CIMINO, INVENTORE DI STORIE[MD 35](1/2008)[art. di Alberto Becattini]DA VENEZIA A PACIFICUS[TESD 1](1/2009)[art. di Luca Boschi].     


Come sempre, nonostante la storia sia stata indicata negli anni come scritta in collaborazione con ELISA PENNA, ciò è  inesatto poiché quest'ultima si è limitata all'editing. C'è da chiedersi, però, quanto questo abbia influito sulle prime storie di Cimino, dato che nel tempo addirittura quest'editing si è trasformato in una doppia attribuzione!
I disegni sono
effettivamente di MASSIMO DE VITA e non del padrePIER LORENZO, che  con tutta probabilità ha assistito
costantemente il figlio nella sua prima opera di
disegnatore disneyano. Il parere di Luca Boschi sull’argomento, alla nostra richiesta di chiarimenti, è stato così preciso da permetterci di renderlo esplicito:
"La somiglianza dei paperi del
CANE
DOLLAROSUS con quelli delle storie di Pier Lorenzo deriva dal fatto che Massimo aveva sotto
gli occhi le tavole e le pubblicazioni del padre, e
che certe espressioni e posizioni sono
riprese di peso da quelle, non concepita in
completa autonomia. Ma la legnosità dei personaggi, le difficoltà di impaginazione delle
vignette (con prospettive anche fallaci) e le differenze vistose fra i personaggi secondari di questa storia e di quelle di Pier Lorenzo parlano da sole".
La storia fu commissionata al padre ma l’effettiva realizzazione passò nella mani del figlio, forse senza che Mario Gentilini ne fosse immediatamente messo al corrente.
Questa sembra essere la prima storia in assoluto di Cimino, nonostante sia stata preceduta da ZIO PAPERONE IN: BRIVIDI ALL'EQUATORE. Il Maestro, ricordando PAPERINO E IL CANE DOLLAROSUS, dice così: "I tempi di pubblicazione erano lunghi. Quando ho mandato a TOPOLINO il soggetto della prima storia, ho aspettato mesi prima di avere una risposta dal direttore". E ancora: “Non ero ancora certo che la storia mi fosse accettata. Prima di avere una risposta dal direttore di Topolino, MARIO GENTILINI, ho dovuto attendere molti mesi e, nel frattempo, ho continuato a inchiostrare. Stavo riflettendo su quale attività scegliere, quando mi è arrivato a casa l'assegno con il pagamento per la storia, che era stata ben accolta. Ammontava a ben 40mila lire che, all'epoca, erano bei soldi!".
Siamo di fronte a un punto importante, la prima grande storia del Maestro friulano, che dipinge una feroce presa in giro della missione di Paperone, che troppo vuole ma riuscirà a stringere solo quel che già possiede: uno schema inflazionato ma qui impreziosito da una carica illuminante che rende il tutto una parabola dalle connotazioni fiabesche.Cimino riprenderà grosso modo questo schema in ZIO PAPERONE E IL LEONE AUROFAGO, con una gustosa beffa conclusiva simile nelle 2 storie.
Il Maestro inventa un caratteristico animale fantastico, il Cane Dollarosus (somigliantissimo al General Snozzie, the Official Junior Woodchuck Bloodhound  creato da CARL BARKS per la storia del 1958 - ma prodotta nel 1957 - PAPERINO E LA DATA TERRIBILE), che si troverebbe in un altipiano di una regione impervia dell'Africa.  
I Paperi ricercano questo canide in base a una mappa rinvenuta in una grotta della "piccola isola del lago di Paperopoli". In quest'isola vive (come si può vedere dall'immagine sopra) l'anziano Pellerossa Bill, il quale racconta a Qui Quo Qua di uno stregone della tribù africana dei Banta-Bantu che, fuggito duecento anni prima e rifugiatosi proprio in quel luogo, aveva portato con sè la mappa con la descrizione del luogo ove vive questa razza speciale di cani, capace di fiutare (a mo' di cane da tartufo) tesori, anche a grandissima profondità. Qui Quo Qua trovano, in una grotta - rifugio di pipistrelli e con il Cane Dollarosus graffito - un'anfora contenente una statuetta raffigurante il Cane Dollarosus, contenente a sua volta la famosa mappa.
Ecco come i Paperi si recano in Africa (con un malandato aeroplano che Paperone definisce "l'apparecchio più lussuoso di tutte le mie compagnie di aeronavigazione") e trovano un esemplare (l'ultimo?) della misteriosa razza canina.
Il resto, con Paperone che incita il cane a trovargli "il più grande tesoro che il mondo conosca", è da antologia, e mi limito a riprodurne alcune sequenze, come quella qua sotto
(da notare l'espressione "barksiana" di Paperone nella seconda vignetta):





Il famoso finale in cui Paperino sentenzia rivolto verso il lettore, primo dei tanti epiloghi ciminiani in cui il papero, per sfuggire all’ira ziesca, trova riparo nella natura – a volte impervia – in compagnia di animali, spesso una famiglia di orsi:


Da ricordare che, alla fine, Paperone dice: "ho[...] sfondato il mio forziere" e in effetti si vede una specie di magazzino pieno zeppo di monete e sacchi di denaro  protetto da una parete blindata (è il famoso Deposito?): c'è però da chiedersi se la camera che si vede all'inizio della storia (con tanto di mitragliatrice incorporata nella scrivania) si trovi nel medesimo edificio.




Un'ultima notazione, degna di nota: per salire sull'altipiano, Paperone e nipoti si servono di 2 condor (in Africa!) a noleggio.

Curiosità:

- nella 4ª vignetta della 9ª tavola i Nipotini, all'interno della grotta, ricorrono ad un Manuale.

- Zio Paperone conduce il Cane Dollarosus alla ricerca di tesori nella location di Papatoa ("agli antipodi di casa nostra", specifica Paperone), ove lo Zione ha dei possedimenti. Non viene specificato se si tratti di un'isola, comunque non si può essere affatto sicuri che sia lo stesso luogo in cui si svolge la vicenda PAPERON DE' PAPERONI VISIR DI PAPATOA (1962).
 
 
- Zio Paperone sarà alla prese con cani particolari anche in ZIO PAPERONE E L'ULULATO DELLA MONTAGNA (1999).




Frasi peculiari:


Paperino:
Per fortuna che il cane ha capito subito che le patate sono più importanti di tutti i tesori della terra!


Zio Paperone ai nipoti (che vorrebbero assumere dei portatori per i bagagli):
          E voi che studiate il latino non ricordate cosa diceva Cicerone? "Parsimonia magistrae vitae"! Eh, la parsimonia è una gran bella virtù!

Zio Paperone:
Oh, il mio cuore è felice! Oh oh, guarda come parte all'attacco il mio cuccioletto! Bravo!

Ringraziamenti : Luca Boschi

FPr

domenica 5 febbraio 2012

Rodolfo Cimino - 1961 - Zio Paperone in: Brividi all'Equatore

 La raccolta dei dati sulle storie concepite dal Maestro veneziano Rodolfo Cimino nasce come una simpatica idea di un - appunto - archivio con l'aiuto del quale destreggiarsi nell'immenso corpus di questo autore, in cui le piacevoli sorprese non mancano mai
FPr



                                                                  1961


ZIO PAPERONE IN:
BRIVIDI ALL'EQUATORE
  
 

                                                                                                                                                                      
                                                                                                                                                             
Disegni di LUCIANO GATTO; TL 283 (30/4). Tav: 31; col-b/n.
Pers: Zio Paperone; Paperino; Qui Quo Qua; Banda Bassotti; Jacinto Pesos e i suoi esperti.
Rist: AR 599
[con copertina di GIUSEPPE PEREGO dedicatale](1/5/1966)[col-b/n]; CWDNS 52/PAPERONE E LA CACCIA AI DOLLARI (4/1981)[col-b/n]; GC 212[come storia Superstar](7/2004)[col-b/n]. E' inoltre scaricabile (nella versione d'esordio) dal sito di LUCIANO GATTO.
Art: RODOLFO CIMINO[I DISNEY ITALIANI](10/1990)[piccolo trafiletto dell'indice di ALBERTO BECATTINI; la storia è menzionata come ZIO PAPERONE IN 'BRIVIDO ALL'EQUATORE']; GEMME ESTIVE[GC 212](7/2005)[art. - forse di LUCA BOSCHI - di presentazione alle storie Superstar]; UN ANNO IN PRIMA PAGINA[TOS 1961](27/6/2005)[cronologia - ad opera di MASSIMO MARCONI, dei numeri di TL del 1961]; CIMINO: UN MAESTRO VENEZIANO A NAPOLI[TOS 1965](25/7/2005)[art. di LUCA BOSCHI]; "LA SCRIVO, LA INCHIOSTRO..." - LO STRANO CASO DEL VISIR DI PAPATOA[MD 31](1/2006)[art. di LUCA BOSCHI]; DALLE CHINE... AI TAPIRLONGHI[MD 35](1/2008)[art. di cui nel volume non è riportato l'autore]; RODOLFO CIMINO, INVENTORE DI STORIE[MD 35](1/2008)[art. di ALBERTO BECATTINI]; DA VENEZIA A PACIFICUS[TESD 1](1/2009)[art. di LUCA BOSCHI].

 
 




Tredicesima avventura disneyana disegnata da LUCIANO GATTO, è una delle storie più o meno caratteristiche del primo periodo ciminiano, in cui, al posto dell'avventura pura, CIMINO insiste e incentra massicciamente l'azione sulle macchinazioni della Banda Bassotti ai danni di Paperon De' Paperoni. Questa storia per certi versi infatti annuncia il filone ciminiano prettamente investigativo condotto dagli ineffabili Qui Quo Qua. Nel caso dei BRIVIDI ALL'EQUATORE l'ambientazione è esotica, ma le caratteristiche che ho citato si trovano - ancora più insistite - in storie meno "esotiche" come PAPERINO E L'OPERAZIONE "DIECIMILA" o in PAPERINO E LE TROMBE DI GERICO, ambientate all'interno del deposito di Paperone, o in PAPERINO E LA VERNICE INVISIBILE (1961). In queste prime storie lo stile introspettivo di CIMINO non è naturalmente quello definitivo.
In BRIVIDI ALL'EQUATORE Paperone non partecipa attivamente all'azione; Paperino - caratterizzato come in quel periodo facevano sia CIMINO, sia altri autori - ha, portato all'eccesso, il ruolo dell'imperterrito combinaguai e dell'irrecuperabile fanfarone che agisce in maniera sproporzionatamente avventata e troppo poco soppesata; ma Qui Quo Qua saranno i soli (come nelle altre storie ciminiane di questo periodo) a risolvere il guaio che affligge la baia di Paperone, rigirando a vantaggio dello Zione persino la catastrofe provocata da Paperino.
In questa storia Zio Paperone possiede la costa - pare - nord dell'Isola di Halmahera (isola che esiste veramente, la maggiore dell'arcipelago delle Molucche, chiamata anche Jilolo o Gilolo), "la perla delle Molucche, la patria dei garofani e dei manghi", (allora le Molucche, conosciute nel resto del mondo come "isole delle spezie", erano ancora un'unica provincia indonesiana, mentre adesso son divise in 2 province), in cui ha impiantato una rete di alberghi che prospera per merito del tepore delle acque della baia; situazione differente vive il proprietario della costa sud dell'isola con relativi alberghi, il miliardario messicaneggiante (con tanto di sombrero) Jacinto Pesos (un personaggio un po' di routine mai più ripreso), il quale prende a cuore l'idea di far abbattere la crisi sulla zona di proprietà dello Zione. Per far questo si serve della collaborazione dei Bassotti (che tutto sommato nella storia compaiono poco), che, col loro speciale apparecchio sottomarino - fornito di sega - trasportano ghiaccio dal Polo alla costa paperoniana di Halmahera, in modo da far abbassare la temperatura dell'acqua nella baia di Paperone e far riversare i clienti di quest'ultimo negli alberghi di Pesos
Da notare che, all'inizio - vedi sopra - Paperone si trova in un ufficio, ma non ci è dato sapere se sia il suo deposito o una delle sue tante abitazioni; comunque compaiono i consueti mucchi di denaro.
 
Qui sopra, il sottomarino dei Bassotti (notare le scritte). Il battello di Paperone - utilizzato dai nipoti per le indagini - si chiama "Paloma".  
 
Qui sotto, il risoluto confinante di Paperone, Jacinto Pesos. Per invogliare i suoi esperti a trovargli metodi per neutralizzare Paperone, si serve di una tigre. Da notare la scritta "1 peseta" sulla scrivania di Pesos contrapposta al "1 dollar" su quella di Paperone. Ma la peseta è la moneta di Spagna e Andorra, mentre quella messicana dovrebbe essere il "peso", come suggerisce anche il cognome di Jacinto.
 
 
 
Notevoli - e qui sotto è possibile ammirarne una - sono le visioni "beate" di Paperone in cui il suo fastidioso nemico si trova nelle condizioni peggiori, mentre Paperino architetta una delle sue solite pensate,accompagnate da una smisurata dose di orgoglio..

                                                                                                                                                                                              I numeri che appaiono nei cartelli dei Bassotti (che in questa storia sono in 3) sono: 31-616 e altri 2 di cui non si intravedono tutte le cifre: 72-32(...) e (...)6-15.
Ricordando il Premio Papersera 2007 - consegnato a CIMINO ancor prima che compisse 80 anni - LUCIANO GATTO (premiato nella stessa occasione in qualità di diegnatore dell'anno) ha inserito nel suo sito le pagine di ZIO PAPERONE IN: BRIVIDI ALL'EQUATORE [link(è qui che me la sono procurata per la prima volta), indicandola come "la prima storia scritta da Rodolfo Cimino", ma sappiamo che la faccenda è abbastanza controversa: questa stessa storia, per ammissione di CIMINO, è stata scritta dopo PAPERINO E IL CANE DOLLAROSUS[vedi piu giù](che lui indica come sua prima sceneggiatura), tuttavia è stata pubblicata prima.
Da ricordare, infine, che Cimino non ha scritto la sceneggiatura di questa storia in collaborazione con la compianta ELISA PENNA: quest'ultima si è limitata all'editing., come anche nelle altre storie del periodo attribuite per anni a una presunta collaborazione CIMINO-PENNA (è una notizia comunicatami personalmente da LUCA BOSCHI, anche se già pubblicata su FUMO DI CHINA 171).
Riguardo le possibili censure e/o modifiche d'ogni sorta apportate a questa storia nelle varie ristampe, non so niente, dato che la versione della storia che posseggo è appunto quella originale. Qualora incorrerò in qualcuna di queste modifiche (ma è più probabile che mi siano riferite da qualcun altro) lo segnalerò subito.

Frasi peculiari: 

Zio Paperone: O dolce mia Halmahera

                           a te viene chi spera
                          di ritemprare la mente                        
                          fra il verde e la brughiera... Ah! Mi sento poeta!Zio Paperone ai nipoti: Sono in vena di grandezze, oggi! Su, non abbiate timore! Se avete fame, andate pure in cucina e preparatevi quanti panini di pane volete!                                
                                                             


sabato 21 gennaio 2012

'' Collezione per i più piccini '' della E.R.O.L.A.

Ecco qua la lista dei titoli ''disneyani'' degli introvabili libricini, editi dalla casa editrice di Alfredo Mondini : l' E.R.O.L.A.  . Una casa editrice di cui abbiamo tanto parlato, come certamente ricorderete nel 48' pubblica gli ''Albi del Trio dell'astuzia'', e di cui si sa veramente poco .
Topolino re dei cuochi (nel catalogo appare come '' Topolino, re dei cuochi '' )
Topolino cowboy
Topolino e le sue scuse
Topolino gran poliziotto
Topolino nella Luna
Ninna Nanna ( tratto da una ''Silly Simphonies'' )
Pinocchio avvocato e Topolino imputato
Pinocchio in duello con il pesce spada
Topolino si dà al commercio
Topolino celebre dottore
Topolino a scuola            
                                 

In basso, grazie  al collezionista Renato Crociani , ben sei scansioni !

Questi, non autorizzati libricini, sono veramente introvabili ! Anche se questo non significa che abbiano una alta quotazione di mercato : sono poco ricercati e graficamente non eccelsi !
Il disegnatore di questi E.R.O.L.A. ( minilibri di cm. 8 x 7 circa ) si firma nella copertina de ''Topolino re dei cuochi'' come ''Aulis'' . Che sia Gaetano Vitelli in incognito ?.Quesiti senza risposte.
 Lo sceneggiatore invece è Mario Scotti.
Oltre a i titoli Disneyani ve ne sono altri, come quelli con Pinocchio (ad. esempio Pinocchio... furbo fesso) e con altri personaggi di fumetti (come ad esempio: Ridolini sul pianeta Marte ) o popolari ( come ''I tre nani alla guerra''  ).

Ma allora perchè la lista ''Disneyana'' include pure Pinocchio in duello con il pesce spada??

Per un semplice motivo: fa una fugace apparizione (su testo e illustrazione) anche Mickey Mouse...

Siamo riusciti a trovare una traccia ( scan delle copertine) di quasi tutti questi libricini ''disneyani'' apocrifi, tranne '' Topolino celebre dottore'', e ''Topolino a scuola'' .
La data presenta ancora un mistero : probabilmente sono databili tra la fine degli anni 30' e il 1945/46 .
Una cosa curiosa è che la maggior parte di essi  presenta un timbro di L.15  che farebbe pensare al dopoguerra. Ma lo stesso Renato Crociani ci avvisa che possiede un numero senza timbro.  Questo potrebbe far supporre che negli anni '30 furono venduti, ma le rese erano talmente alte che  furono fatte circolare subito o dopo la guerra (1946?) con il timbro da L. 15.

Renato Crociani ci fa partecipi però di un grosso scoop . Infatti su ''Topolino e le sue scuse'' appare la madre di Topolino ! Una cosa veramente incredibile, anche se la storia  è molto infantile : Topolino non vuole andare a scuola e si ''inventa'' un pò di... scuse .  Un altra apparione, apocrifa, della madre di Topolino, probabilmente, è presente in uno dei '' Afacan'' prima serie, pubblicati in Turchia.
''Collezione per i più piccini'' con Topolino
Ringraziamenti : 
Renato  Crociani per scan e informazioni, Alfredo D'asdia per informazioni e Didier Ghez

domenica 15 gennaio 2012

Scoop o quasi! Illustrazioni e strisce anni Trenta

Scoop o quasi! Illustrazioni e strisce anni Trenta
Ecco qua delle immagini eccezionali che mi ha inviato il collezionista Sergio Lama .

Quella qui sotto è un interessante articolo apparso sul numero 15 della rivista Modellina . Questa rivista era già stata citata dato che in copertina appare Topolino, disegnato apposta da disegnatori eccelsi d'oltreoceano come Floyd Gottfredson. I disegni dell'articolo sono di Capasso .




Gli altri due sono dei veri e propri scoop .
Il primo è un illustrazione proveniente da un libro anni Trenta delle edizioni Modellina . L'autore è il famoso Yambo .
Il libro,  è l' unica illustrazione con Topolino, non è disneyano e quindi ricorda un pò ''S.A.R. Codarello '' e ''Le avventure di Diavolino'', che pur non raccontando di Mickey viene inserito come immagine .
Scoop! Illustrazioni e strisce anni Trenta

Infine il ritrovamento più interessante: un altra parte della storia, disegnata da Federico Galli, con un Topolino apocrifo apparsa su ''In alto, Fanciulli!'' nel 1937. Di Galli, nonostante si era facilmente intuito che ve ne erano altre da quel  ''continua'' in basso, si conosceva solo una striscia apparsa in quel giornale ( e una storia autoconclusiva su ''L'aspirante'') . Ma siamo felici di presentare una vignetta.
Numerosi altri dati sono inseriti su un articolo da me scritto su ''Fumetto'' .
Ringraziamenti :
Si ringrazia Sergio Lama per immagini e dati

NB: Le immagini per il momento non sono visibili

venerdì 13 gennaio 2012

Una questione di donne,tra figurine e musica

UNA QUESTIONE DI DONNE, TRA FIGURINE E MUSICA
di Claudio Gioda
                                                                   
                                                                 
Dedico questo brevissimo pezzo a Massimo, che con la sua strenua ricerca di Topolino apocrifi, e di quelli che lui chiama “scoop”, ha il merito di rivitalizzare l’interesse del pubblico meno esperto su un periodo storico in cui Topolino era molto famoso ( e aggiungerei amato) molto più di oggi. Auguro a Massimo di non perdere negli anni la passione che lo contraddistingue oggi e di continuare le sue ricerche nel campo, magari agevolando quel ricambio generazionale dei collezionisti che al momento sembra languire.

 

Di quando in quando in qualche sito d'aste mi capita di scovare alcuni curiosi pezzi d’epoca, in mezzo al molto materiale ordinario. E’ il caso di questo spartito della Casa Editrice Musicale G.B. CASTELFRANCHI di Milano, pezzo che ora figura nella mia collezione di oggetti particolari legati al Topolino anteguerra. Si tratta di un interessante documento che offre una testimonianza storica della febbre degli italiani per i concorsi a premio, un vero e proprio contagio scatenatosi nel biennio 1936/1937.
     Lo spartito si compone di un foglio unico, piegato in 2, per un totale di 4 pagine. In copertina troviamo la riproduzione apocrifa, attraverso un mediocre ricalco in color seppia, della celeberrima e introvabile figurina n.41 del concorso ELAH. Presumiamo, ma non ne abbiamo certezza, che si tratti di una riproduzione per la quale non fu richiesta espressamente l’autorizzazione ai detentori del copyright. Curiosamente compare due volte il n.41 in bella evidenza, numero che probabilmente doveva essersi ben impresso nella mente di tutti i solerti raccoglitori dell’epoca.


    Sempre sulla prima facciata compaiono il titolo della canzone (Cerco “LA DONNA FATALE”, un Valzer-Brillante), l’autore (G.B. Castelfranchi) e la dedica a WALT DISNEY il geniale creatore di TOPOLINO. Compaiono infine anche i dati della Casa Editrice.





Nelle due pagine interne ecco il testo e lo spartito musicale, con copyright datato 1937. Le parole della canzone giocano con due significati, rimbalzando dai chiari cenni alla celebre raccolta di figurine promossa da TOPOLINO, ad un più romantico e generale riferimento agli uomini, sempre alla ricerca della donna che faccia loro perdere la testa. Nel testo viene citato Topolino e perfino la Lancia (Aprilia) che era il più grande ed ambito premio del concorso, consegnata a chi fosse stato in grado di presentare 200 album completi di tutte le 100 figurine diverse. Pensate: era necessario trovare almeno 200 “donne fatali”, senza contare tutte le altre figurine, alcune di esse poco meno rare della n.41, un’impresa ai limiti del possibile!
Una questione di donne, tra figurine e musica

     Di quell’epoca in cui si scatenò la moda delle raccolte premio di figurine avremo modo di parlare in futuro.  Termino con un caloroso invito a chi, oltre ad interessarsi di fumetti, è anche in grado di leggere e riprodurre uno spartito musicale: sarebbe interessante poter ascoltare la canzone, magari riproducendone anche solo la melodia, riversandola in un file audio.

giovedì 12 gennaio 2012

Ecco, siamo tornati !

Carissimi lettori,
come promesso siamo ritornati . Sempre più in gamba ed entusiasti.
Mi auguro che questo sia un anno davvero prolifico e pieno di post che interesseranno voi lettori .
Il copyright delle immagini è dei loro autori ( in particolare ci saranno immagini Disney) .
Il blog ha uno scopo didattico : la divulgazione, senza fini di lucro, e la critica delle storie a fumetti o delle loro pubblicazioni .
Da Disney 's Vintage ci siamo dovuti trasferire a ''La grotta del fumetto'' per motivi di tipo tecnico ( infatti Splinder il 31 Gennaio verrà dismesso) .
Il blog raccoglierà anche i post di un blog su Rodolfo Cimino e le sue storie .

Un grazie a tutti,
Massimo Bonura aka ''Barone Bombastium'' e Federico Provenzano aka ''SpecialMongo''